Per Azimut il Fintech è servito: nasce Azimut Direct, la nuova piattaforma di lending.



Si perfeziona l’operazione tra il gruppo Azimut ed Epic che dà avvio all’operatività della newco Azimut Direct SpA, la Fintech del gruppo Azimut attiva nel campo della mediazione creditizia e del securities-based crowdfunding riservato agli investitori qualificati.

Azimut Direct SpA - di cui Azimut detiene il 50,1% ed Epic il 49,9% - capitalizza l’esperienza di Epic, la prima piattaforma nata nel 2014 per formare un ponte tra PMI e investitori professionali.

Tramite Azimut Direct, il gruppo Azimut accelera il progetto Banca Sintetica, con l’obiettivo strategico di creare un ampio ecosistema a supporto dell’economia che permetta a fondi e altri investitori professionali del risparmio di conoscere, selezionare e finanziare le PMI più meritevoli. Azimut attraverso il progetto di Banca Sintetica, quale alternativa ai tradizionali canali di finanziamento per le imprese, ha già erogato prestiti alle PMI italiane per oltre 450 milioni di euro, con un obiettivo complessivo di 1,2 miliardi entro il 2025.

Il ceo e global head of asset management di Azimut, commenta: “L’avvio di Azimut Direct rappresenta un ulteriore passo in avanti nella strategia perseguita dal Gruppo per far incontrare risparmio privato e imprese che ci permette di rafforzare il nostro progetto di Banca Sintetica con cui finanziamo le imprese attraverso un modello basato su innovazione tecnologica e sulla crescita costante delle piattaforme Fintech. In questo modo coniughiamo i capitali pazienti dei nostri clienti con la domanda di finanziamento delle imprese, secondo obiettivi di rendimento di lungo periodo”. “È un modello unico per l’Italia” “dove combiniamo la forza di un grande asset manager con la specializzazione di una Fintech. La missione è ben chiara: trasferire alle PMI i benefici di accesso al mercato finanziario attraverso un’azione congiunta di consulenza, strutturazione e collocamento di strumenti di debito ed equity. È un modello di servizio che tenderà ad affermarsi nel Paese ed in Europa. Solo in Italia ci sono circa 5.000 miliardi di euro di risparmi privati, che potrebbero essere in parte investiti in maniera produttiva per la crescita del Paese tramite fondi specializzati, come quelli oggi promossi da Azimut”.



0 visualizzazioni0 commenti